I cataloghi IKEA dal 1951 al 2000

Ikea è in assoluto il marchio di arredamento più popolare al mondo. L’azienda fu fondata nel 1943 dall’allora 17enne Feodor Ingvar Kamprad, morto a 91 anni il 27 gennaio 2018.

L’iconico logo giallo-blu è un acronimo, composto dalle sue iniziali abbinate alla prima lettera di Elmtaryd, il nome della fattoria in cui è cresciuto e Aggunaryd, la sua città natale svedese. Oggi Ikea ha un fatturato di oltre 43 miliardi di dollari ed è nota per i suoi design modernisti e ispirati a una semplicità eco-friendly.

Per un totale di 389 negozi nel mondo e la sua vasta selezione di mobili fai-da-te, Ikea utilizza l’1 per cento della fornitura di legno mondiale.

Nordic Style Magazine ha recentemente raccolto le vecchie copertine dei cataloghi, fornite da Smörgås Pinners, l’account Pinterest ufficiale del team di comunicazione dell’azienda. La gallery permette di fare un viaggio nel tempo, dal 1951 al 2000 attraverso le mode e le tendenze in fatto di arredamento delle diverse epoche.

 

Chiunque abbia mai fatto acquisti da Ikea sa che ognuno dei circa 12mila articoli in vendita ha un nome in svedese, al posto di codici o poco fantasiosi nomi comuni.

Pochi forse conoscono però il criterio con cui sono scelti questi nominativi, o più probabilmente non sanno che esiste una regola precisa per la denominazione, che non è lasciata alla semplice fantasia di qualche impiegato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la vostra navigazione. Se questo vi crea problemi, potete scegliere di non accettare. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi